Agroalimentare, a luglio ribassi mensili per carni e ortofrutta. Ulteriore aumento per l’olio di oliva.

A luglio si sono osservati diffusi ribassi a luglio per i prezzi all’ingrosso dei prodotti alimentari. Tra i prodotti freschi, sono scesi rispetto a giugno la frutta, gli ortaggi e le carni e le uova. I prezzi dell’ortofrutta sono rimasti comunque su livelli superiori allo scorso anno.

La riduzione delle carni è dipesa principalmente dal calo delle carni di bovino e di pollame. In rialzo le carni di suino, grazie all’incremento della domanda tipico del periodo estivo.

Tra i prodotti lavorati, ancora un segno “meno” ha interessato il riso e i formaggi, sebbene per questi ultimi i ribassi siano stati di limitata entità.

Tra le eccezioni, si segnalano tra i prodotti lavorati il rialzo della semola, sulla scia degli aumenti che si sono registrati per il grano duro, e il nuovo rincaro per l’olio di oliva, con il prezzo all’ingrosso dell’olio extravergine giunto a livelli record. Tra gli oli, sono tornati in aumento gli oli di semi.