Agroalimentare, rialzi a maggio per i prodotti lattiero-caseari, per la carne di pollo e per gli ortaggi.

Nel settore agroalimentare il mese di maggio ha evidenziato rialzi mensili per i prezzi all’ingrosso dei prodotti alimentari freschi, in particolare per frutta e ortaggi, latte e, tra le carni, per pollo, tacchino e suino. In particolare, tra gli ortaggi si sono rilevati incrementi per gli ortaggi a bacca (melanzane, peperoni e zucchine), gli ortaggi a media conservazione (cavolfiori e finocchi) e a breve conservazione (fagiolini e carciofi). Tra le carni, in discesa, invece, i prezzi delle carni di bovino.

Una sostanziale stabilità ha interessato i prezzi all’ingrosso dei prodotti lavorati, in particolare riso e cereali e oli e grassi (con l’eccezione dei rialzi del burro). Invariati rispetto ad aprile i prezzi dell’olio di oliva che mantengono comunque un’ampia crescita su base annua.

Poche variazioni tra i prodotti ittici, ad eccezione, tra i pesci freschi di pescata, del forte aumento mensile per il prezzo del pesce spatola.